“L’eredità duratura di Elizabeth Taylor”: il viaggio di una nipote per continuare la lotta contro l’AIDS

Laela ha elogiato sua nonna come un modello meraviglioso

Recentemente, l’American Film Institute ha riconosciuto Elizabeth Taylor come una delle 10 migliori attrici di tutti i tempi nella lista delle 10 migliori attrici di tutti i tempi. Elisabetta è diventata famosa in giovane età e ha continuato a vincere una miriade di premi e riconoscimenti nel suo campo. È diventata famosa con ruoli in film come “Butterfield 8”, per il quale è stata insignita di un Academy Award nella categoria Migliore attrice.

Quando Elizabeth era solo una bambina, ha attirato l’attenzione della società di produzione MGM, e all’età di 12 anni era già apparsa in cinque film. Negli anni ’60, si era affermata come uno dei volti più riconoscibili di Hollywood ed era rinomata per il suo lavoro come protagonista eccezionale.

Nell’anno 1985, Elizabeth ha offerto la sua voce allo sforzo di aumentare la consapevolezza sull’AIDS. All’evento inaugurale Commitment to Life, che era una raccolta fondi per il progetto AIDS di Los Angeles, Elizabeth è stata una delle numerose attrici e artisti famosi che hanno tenuto discorsi. Un numero considerevole di noti personaggi pubblici ha fatto sentire pubblicamente la propria voce per la prima volta a sostegno dei malati di AIDS.

Dopo un certo numero di anni dal primo grande evento di raccolta fondi, è emersa una nuova impresa. Il documentario “Commitment to Life”, prodotto da un team di registi nel 2021 ed esamina le prime fasi del movimento contro l’HIV/AIDS, è stato rilasciato in quell’anno. Laela Wilding, la nipote di Elizabeth, è un’altra persona che è una grande sostenitrice degli sforzi di sua nonna per aumentare la consapevolezza.

La relazione tra Laela Wilding, la prima nipote di Elizabeth Taylor, e sua nonna

La maggiore dei nipoti di Elizabeth è sua nipote Laela. Il nome di sua madre è Johanna Lykke-Dahn e il nome di suo padre è Micheal Wilding Jr. Come nel caso di sua madre, il padre di Laela ha avuto una carriera di successo nell’industria dell’intrattenimento. È ricordato soprattutto per le sue interpretazioni negli spettacoli televisivi “Dallas”, “Deadly Illusion” e “Guiding Light”. Nel 1971, Michael e Johanna hanno regalato a Elizabeth il suo primissimo nipote.

Da giovane, Laela e sua nonna hanno un rapporto molto speciale. Si assicurò di far visita a Elizabeth ogni giorno di vacanza e anche molte domeniche. Elizabeth ha lasciato un segno indelebile su Laela quando stava crescendo a causa della quantità di tempo che loro due hanno trascorso insieme durante l’infanzia di Laela. L’attrice ha trasmesso una conoscenza inestimabile a sua nipote durante il loro tempo insieme.

Durante le sue reminiscenze, Laela ha detto che Elizabeth l’aveva spesso aiutata con i suoi cosmetici quando erano più giovani. Inoltre, ha insegnato a Laela come essere sicura di sé quando si taglia e si acconcia i capelli. Laela ha lodato sua nonna come un meraviglioso esempio da seguire e una persona che “non ha favorito”.

Dal momento che la nipote di Elizabeth, Laela, ha scelto di portare avanti l’impegno di sua nonna nell’aiutare gli altri e ora lavora per la Elizabeth Taylor AIDS Foundation, è chiaro che Elizabeth ha lasciato un segno indelebile su sua nipote. Laela ha osservato che, per la sua famiglia, Elizabeth non era una star del cinema ma piuttosto una figura materna premurosa. Laela credeva che fosse così.

Le somiglianze tra Laela ed Elizabeth includono sia una lotta condivisa contro lo stigma sociale sia una somiglianza fisica.

I nipoti di Elisabetta non la ricordano quando era una persona famosa. Quando i nipoti sentono il nome della nonna, la prima cosa che viene loro in mente è il lavoro che ha svolto come filantropa e gli sforzi che ha fatto per educare le persone sugli impatti del virus dell’AIDS in un momento in cui nessun altro parlava a proposito. Laela è stata in grado di ricordare:

“Non siamo mai riusciti a vederla nel ruolo di una star del cinema. Ha sviluppato un fervente interesse per l’impegno politico e non riesco a pensare a nulla di più motivante dell’amore e della spinta che nostra nonna ha mostrato per le altre persone.

Elizabeth, oltre ad essere un’attrice di grande successo e ben pagata, ha dato un contributo significativo alla lotta contro l’AIDS con il suo instancabile attivismo e iniziative innovative per sensibilizzare l’opinione pubblica. Ha persino avviato la Elizabeth Taylor AIDS Foundation usando i soldi guadagnati dalla vendita di immagini di uno dei suoi matrimoni. La missione della fondazione era assistere coloro che stavano attualmente affrontando l’HIV e l’AIDS.

Laela ora sta portando avanti l’eredità di sua nonna. Non solo lavora a stretto contatto con la Elizabeth Taylor AIDS Foundation per garantire che l’eredità di sua nonna sopravviva, ma porta anche con orgoglio i suoi capelli grigi, proprio come faceva sua nonna quando era nei suoi ultimi anni. Questo è un modo in cui sta portando avanti l’eredità di sua nonna. Laela si è lasciata sfuggire che è stata Elizabeth a darle il coraggio di far crescere i suoi capelli in modo naturale.

La famiglia Wilding e altri aspetti della vita personale di Laela

Elisabetta ha una famiglia numerosa sin dall’inizio, che continua a crescere ogni anno che passa. L’attrice in questione ha avuto un totale di quattro figli e quei bambini insieme hanno prodotto 10 nipoti per la nonna. Elizabeth ora ha il ruolo di bisnonna da quando i suoi nipoti sono cresciuti e stanno mettendo su famiglia. Laela è la più anziana di tutti i nipoti di suo nonno e sua nonna.

L’euforica nipote vive a Portland, nell’Oregon, dove lavora come graphic designer per mantenere se stessa e la sua famiglia. È sposata da molto tempo e i due figli che lei e suo marito hanno insieme si chiamano Finn e Vivian McMurray. Si offre volontaria per assistere l’ente di beneficenza di sua nonna nell’organizzazione di eventi e nella lotta allo stigma connesso all’AIDS quando non è altrimenti impegnata.

Il nipotino che più somiglia a Elisabetta non è l’unico dei nipoti ad aver ereditato lo splendido manto della nonna. La maggior parte dei nipoti di Elizabeth sono stati membri attivi della sua organizzazione prima o poi. Laela dedica una notevole quantità di tempo e impegno, insieme all’assistenza di sua cugina Quinn Tivey, alla Elizabeth Taylor AIDS Foundation per garantirne il successo.

Nel suo commento, Quinn ha detto che sua nonna e i risultati dei suoi sforzi lo hanno spinto a fidanzarsi con suo cugino. Il fatto che l’attivismo di Elizabeth abbia avuto un impatto su così tante persone ha acceso il desiderio tra i suoi nipoti di continuare a portare la torcia e ad aiutare gli altri bisognosi. Quinn ha detto di essere giunto alla conclusione che spettava alla sua famiglia continuare a svolgere il suo lavoro.

Oltre a Laela e Quinn, altri cugini che sono stati attivi con il lavoro di Elizabeth includono Naomi deLuce Wilding, Tarquin Wilding e Lowell Wilding; tuttavia, tutti i nipoti hanno aiutato in un modo o nell’altro nel corso degli anni. Naomi è stata sincera sulla sua connessione con sua nonna e ha detto quanto segue al riguardo:

“Solo perché qualcuno è una celebrità non significa che non possa essere anche una nonna adorabile, morbida e meravigliosa che ci invitava costantemente a entrare”, ha detto l’oratore. “Solo perché qualcuno è una superstar non significa che qualcuno non possa essere entrambe le cose.”

Elizabeth ora ha un totale di quattro pronipoti oltre al gran numero di nipoti che ha già. Vivian e Finn sono i figli di Laela, mentre Naomi e suo marito, Anthony Cran, hanno un figlio insieme che chiamano Declan Cran. Anche Laela ha un figlio. Uno dei nipoti più giovani, Eliza Carson, ha anche un figlio di nome Christian Carson.

Like this post? Please share to your friends:
Sii felice e leggi gli articoli
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Videos from internet

Related articles: