Attori le cui età sono state modificate utilizzando speciali effetti visivi per interpretare ruoli… Guarda le foto di tutti gli attori qui sotto…

Il capitolo più recente della serie d’azione presenta un ritorno a un episodio precedente. La prima scena del film vedrà protagonista Harrison Ford con un aspetto giovanile alterato digitalmente, che lo farà sembrare molti decenni più giovane di quanto non sia in realtà. Gli spettatori hanno avuto un’anteprima della tecnologia che ripristina la giovinezza in Indiana Jones e il quadrante del destino durante il trailer del film, che mostrava l’intrepido esploratore in una scena di flashback ambientata nel 1944. Anche se il film non uscirà fino all’estate del 2023 , i fan hanno già la possibilità di vederlo.

Ford ha rivelato a Empire che il software per gli effetti visivi utilizzato per farlo sembrare più giovane era spaventosamente sbalorditivo.

Per quanto riguarda il progresso tecnologico, ha affermato che “questa è la prima volta che lo vedo dove ci credo”. Ford ha continuato dicendo: “È un po’ inquietante”. “Non sono nemmeno sicuro di voler provare a capire come funziona, ma funziona.”

Nel film Captain Marvel del 2019, il personaggio dell’agente Nick Fury è interpretato da l. A L. Jackson è stato dato un effetto antietà equivalente alla rimozione di 25 anni dalla sua età. Non era la prima volta che la compagnia di supereroi utilizzava la tecnologia, ma era probabilmente la maggior parte che l’avevano usata a causa del lungo tempo sullo schermo di Jackson. Il team responsabile degli effetti visivi si è ispirato a una varietà di film di John McClane degli anni ’90, tra cui Die Hard with a Vengeance, The Negotiator e il prequel di Star Wars The Phantom Menace, per ricreare il suo aspetto giovane.

Insider ha parlato con il supervisore degli effetti speciali della Marvel, Janelle Croshaw Ralla, che ha descritto l’evento come “abbastanza fantastico”. “Potresti guardare di nuovo quei film e individuare alcuni casi in cui sembrava esattamente lo stesso, anche con la stessa identica espressione sul viso. Aveva raggiunto la sua età».

Per esprimere la sua gratitudine per la tecnologia, Jackson ha pubblicato su Instagram un’immagine del suo corpo invecchiato mentre interpretava uno dei suoi personaggi. Nella didascalia, ha detto: “Wow, non avrei mai immaginato che questa roba anti-invecchiamento della Marvel sarebbe stata così incredibile!”

La rigorosa procedura di de-aging a cui è stato sottoposto Robert De Niro per il film “The Irishman” ha richiesto molti anni di preparazione prima di poter essere effettivamente portata a termine. Dal momento che De Niro ha interpretato Frank Sheeran nell’arco di 50 anni, è stato necessario che il suo personaggio mostrasse una gamma di età durante la durata del film. Quattro anni prima che il film uscisse nelle sale, il regista Martin Scorsese iniziò a lavorare con lo studio di effetti speciali Industrial Light & Magic, di proprietà di George Lucas.

Secondo il Los Angeles Times, per far invecchiare l’attore 76enne, così come i suoi costar, come Al Pacino, era necessaria una nuova tecnologia. Ciò era particolarmente vero dato che gli attori si sono rifiutati di lasciare che la tecnologia di motion capture interferisse con il loro lavoro sulla scena. Il prodotto finito è il risultato della collaborazione di specialisti nei campi degli effetti visivi, del trucco, dei costumi e dell’ingegneria del suono.

In una delle scene di flashback di Captain America: Civil War, il pubblico ha potuto vedere Robert Downey Jr. in una versione più giovane di se stesso grazie ai progressi tecnologici. Trent Claus, che gestisce gli effetti visivi presso la prestigiosa azienda Lola VFX e ha descritto il processo di invecchiamento a The Hollywood Reporter, lo ha paragonato a Photoshop ma con più fotogrammi da modificare. Lola VFX ha vinto numerosi premi per il suo lavoro nel campo degli effetti visivi.

“Una cosa che capita a tutti noi è che la pelle del viso si abbassa progressivamente in alcune parti”, ha detto Claus della metamorfosi di Downey Jr. in un Tony Stark più giovane. “Deve essere” riportato “al punto in cui era all’età in questione”, ha aggiunto Claus riguardo al restyling di Downey Jr.. Inoltre, ha affermato che “lavorare con l’aspetto di un attore famoso” ha portato con sé “la pressione di essere all’altezza dell’aspetto giovane che i fan ricordano”.

Jeff Bridges ha dovuto ripensare all’età in cui interpretava Clu nel primo film di Tron, uscito nel 1982, per interpretare nuovamente il ruolo. In una delle prime applicazioni hollywoodiane della tecnologia anti-invecchiamento, il sequel Tron: Legacy ha trapiantato la pelle di Bridges quando aveva 35 anni sull’attore che all’epoca aveva 61 anni.

“È piuttosto strano. È una notizia meravigliosa per me perché indica che ora posso interpretare qualsiasi versione di me stesso a qualsiasi età “Più o meno nel periodo del debutto del film nel 2010, Jeff Bridges ha fatto la seguente dichiarazione.

Il supervisore degli effetti visivi di Lola Trent Claus ha detto a TheWrap che l’obiettivo del suo team per l’apparizione di Jennifer Connelly nel film American Pastoral del 2016 era di farla assomigliare a come appariva nel film del 1991 The Rocketeer, in cui recitava all’età di 19 anni. tecnologia per aumentare le dimensioni del viso dell’attrice, facendolo sembrare più pieno e più giovane arrotondando il mento, le guance e la mascella. Usando la tecnologia antietà, le hanno persino iniettato “grasso infantile” in faccia.

Dal momento che il protagonista de Il curioso caso di Benjamin Button, interpretato da Brad Pitt, ha vissuto un viaggio nel tempo al contrario, c’è stata una domanda significativa di tecnologie antietà per l’intero film. Poiché la storia era incentrata sulla condizione insolita del suo personaggio, che lo faceva invecchiare all’indietro, l’attore, che aveva 44 anni al momento delle riprese, doveva dare l’impressione di essere sia vecchio che giovane.

Il film ha ricevuto l’Oscar per il miglior trucco e acconciatura, nonché l’Oscar per i migliori effetti visivi, che hanno contribuito all’illusione dell’immagine mutevole di Pitt sullo schermo nel corso del film. Anche il ragazzo nascosto sotto tutta la tecnologia e le protesi ha espresso gratitudine per lo sguardo nel suo futuro.

“Sono stato in grado di avere una certa influenza su di esso. Mi è stata data l’opportunità di modellarlo e scolpirlo, “Nel 2009, Pitt ha parlato di se stesso da giovane. “Dubito davvero che la gravità e il tempo saranno di quel tipo.”

Paul Reubens, che ha 63 anni, ha avuto il viso sollevato e stropicciato in modo da poter riprendere il ruolo dell’eterno Pee-wee Herman. La tecnologia è stata responsabile di questa trasformazione. Il Washington Post ha affermato che dieci professionisti che lavorano per una società chiamata Vitality Visual Effects hanno impiegato circa cinque mesi per modificare l’aspetto di Reuben in ogni fotogramma del film uscito nel 2016. Questo è stato un risultato raggiunto.

Nella quinta puntata della serie di film Pirati dei Caraibi, c’era una lunga sequenza di flashback che ritraeva una versione più giovane del Capitano Jack Sparrow. Questa scena necessitava di significativi effetti di invecchiamento da creare dietro le quinte. L’uso della computer grafica e la collaborazione di un altro attore hanno permesso a Johnny Depp di ritrarre una versione più giovane di se stesso nei panni di un pirata.

Gary Brozenich della Moving Picture Company ha raccontato a Inverse della magia antietà introdotta nel film del 2017. “Johnny avrebbe eseguito l’azione, e poi avremmo fatto in modo che il corpo osservasse Johnny nei minimi dettagli”, ha detto Brozenich del processo. “Ciò che questo ha fornito a noi, il team VFX, è stato un obiettivo per l’aspetto della pelle giovane: come si comporta e come, sfortunatamente, la carne giovane si muove in modo diverso rispetto alla carne più vecchia.”

Anche se la tecnologia dell’invecchiamento è spesso riservata ai grandi film, lo show della HBO Westworld l’ha utilizzata per creare un flashback che coinvolge il personaggio del Dr. Ford interpretato da Anthony Hopkins. Jay Worth, il supervisore degli effetti visivi del programma, ha parlato con Thrillist del processo di ringiovanimento dei personaggi necessario per rendere concepibile lo scenario.

Secondo Worth, si riferivano a film più vecchi e foto di un giovane Hopkins, che aveva 78 anni al momento della produzione, ma il team degli effetti ha avuto un po’ di flessibilità creativa con il suo aspetto di flashback dovuto al fatto che il pubblico era teoricamente meno familiare. con il lavoro precedente di Hopkins.

“Prima dell’uscita de Il silenzio degli innocenti, l’America aveva difficoltà a ricordare Sir Tony. Non dovrebbe sorprendere che abbiamo individuato ogni riferimento che potevamo trovare da ogni film, ogni immagine e qualsiasi altra cosa che appartenesse all’epoca appropriata “, ha detto Worth. “Ma alla fine, come qualsiasi altra cosa, si è trattato di quale interpretazione della nostra personalità riflettesse meglio la nostra storia”,

Mark Hamill ha fatto un’apparizione a sorpresa nel finale della seconda stagione di The Mandalorian. Ha ripreso il suo famoso ruolo di Luke Skywalker ed è persino riuscito a strappare i capelli distintivi del personaggio iconico. L’uso di immagini generate al computer (CGI) ha permesso a Mark Hamill di avere un aspetto più giovanile nei panni dell’amatissimo Jedi, ma l’attore, che aveva quasi 70 anni quando l’episodio è stato registrato, ha fugato ogni dubbio sulla sua partecipazione alla produzione.

L’attore ha dichiarato su Twitter, con un retweet di un’immagine dietro le quinte che lo mostra in costume e sul posto: “Questo è per coloro che hanno affermato che il ruolo è stato realizzato completamente con CGI, senza il mio contributo”.

I talentuosi artisti degli effetti visivi di Lola VFX sono stati i responsabili di far sembrare Michael Douglas più giovane in Ant-Man, motivo per cui il risultato finale è stato così convincente. Peyton Reed, il regista del film, ha dichiarato in un’intervista a Vanity Fair che il team di produzione aveva un giovane doppelganger di Douglas in attesa nel caso in cui gli effetti speciali non andassero come previsto.

Reed ha detto: “Ero così ansioso che fosse irreale”. “Se quell’effetto non ha funzionato, la primissima scena del film è…” Ha anche detto che il risultato finale che è stato mostrato sugli schermi è stata una combinazione di componenti del doppio corpo e del Douglas che era stato de-invecchiato digitalmente . “Dal mio punto di vista, volevamo raccogliere quanto più materiale possibile per fornire Lola [VFX] con quante più opzioni possibili quando si trattava di creare questo effetto.

I primi minuti di Ant-Man and the Wasp si sono aperti con un flashback, proprio come il film originale. Gli stessi miglioramenti visivi che hanno fatto sembrare Michael Douglas decenni più giovane sono stati usati su Michelle Pfeiffer, quindi questa volta gli spettatori hanno potuto assistere anche a una sua versione più giovane. (Nel secondo film, anche il suo aspetto di Douglas è stato alterato per farlo sembrare più giovane.) Hayley Lovitt, che era la controfigura di Pfeiffer, ha ricevuto il merito per il ruolo della giovane Janet van Dyne, nonostante il fatto che il suo viso fosse stato sostituito con CGI dell’attrice più anziana.



Visualizzazioni post:
24

Posta navigazione

Like this post? Please share to your friends:
Sii felice e leggi gli articoli
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Videos from internet

Related articles: